Rimozione dell’ernia del disco con tecnica endoscopica

Chirurgo: Dott. Kofler

Grazie alla tecnica mini invasiva utilizzata nel Centro Chirurgico Sant’Anna, i pazienti che si sottopongono all’intervento di rimozione dell’ernia del disco lasciano la struttura dopo un solo giorno di degenza.

 

A eseguire gli interventi di rimozione dell’ernia del disco con tecnica endoscopica (discectomia endoscopica) presso le strutture del Centro Chirurgico Sant’Anna è il dottor Reinhold Kofler. Dopo aver trascorso 34 anni come ortopedico all’ospedale di Bressanone, Kofler nel 2014 ha lasciato la sanità pubblica per dedicarsi all’attività privata, e concentrarsi esclusivamente sulle problematiche della colonna vertebrale.

Il suo desiderio era quello di limitarsi agli interventi mini invasivi, nello specifico la rimozione dell’ernia del disco con tecnica endoscopica e la cura delle fratture vertebrali osteoporotiche o traumatologiche. “Nelle strutture del Centro Chirurgico Sant’Anna” dice Kofler “ha trovato un ambiente molto professionale, organizzato e dotato di attrezzature all’avanguardia”.

I vantaggi della rimozione dell’ernia del disco con tecnica endoscopica per il paziente

 

Rispetto alle tecniche di intervento a cielo aperto, la rimozione dell’ernia del disco con tecnica endoscopica porta numerosi vantaggi al paziente. In primo luogo perché viene eseguita in anestesia locale, attraverso una microincisione, non più larga di mezzo centimetro che lascia intatti muscoli e legamenti. Tutto questo permette di ridurre notevolmente i tempi di recupero successivi all’intervento. La degenza post operatoria infatti dura soltanto un giorno. Trascorso questo tempo il paziente è libero di andarsene sulle sue gambe.

Una grande comodità che in Italia offrono solo poche strutture oltre al Centro Chirurgico Sant’Anna.